Clausole vessatorie nei Trattati Europei e moneta Euro La legge non è uguale per tutti

A proposito di Unione Europea (UE), ci sono molte cose “poco chiare”.

Una cosa poco chiara è questa, e riguarda la moneta, l’utilizzo dell’Euro e l’abbandono delle monete nazionali; infatti, i trattati europei stabiliscono posizioni di privilegio per alcune nazioni, non tutte le nazioni hanno avuto medesimi obblighi – cito da wikipedia, con riserva di recuperare il testo originale del Trattato di Maastricht:

Dei ventotto attuali paesi membri dell’Unione europea, nove utilizzano ancora una valuta nazionale diversa dall’euro. Fra questi, solamente la Danimarca e il Regno Unito sono in possesso di una deroga ai protocolli del Trattato di Maastricht; a esse non è legalmente richiesto di unirsi all’euro, a meno che i loro governi non decidano altrimenti. [Wikipedia al 04/01/2015]

Questa statuizione è una clausola vessatoria ed è contenuta nel Trattato di Maastricht, uno dei fondamentali dell’Unione Europea, ciò invalida i trattati europei, già di per sé illegittimi, poichè è del tutto ingiusto concedere un privilegio ad alcune nazioni, a tutto danno delle altre.


INSERTO PROMOZIONALE


Mappa moneta Euro 2015

 

Screenshot su Wikipedia deroghe privilegiate su adesioni all’Euro

Condividi! Grazie!
Leggi anche  Schiavismo = Accoglienza? gli immigrati sfruttati e i reietti neutralizzati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *