Clausole vessatorie nei Trattati Europei e moneta Euro La legge non è uguale per tutti

A proposito di Unione Europea (UE), ci sono molte cose “poco chiare”.

Una cosa poco chiara è questa, e riguarda la moneta, l’utilizzo dell’Euro e l’abbandono delle monete nazionali; infatti, i trattati europei stabiliscono posizioni di privilegio per alcune nazioni, non tutte le nazioni hanno avuto medesimi obblighi – cito da wikipedia, con riserva di recuperare il testo originale del Trattato di Maastricht:

Dei ventotto attuali paesi membri dell’Unione europea, nove utilizzano ancora una valuta nazionale diversa dall’euro. Fra questi, solamente la Danimarca e il Regno Unito sono in possesso di una deroga ai protocolli del Trattato di Maastricht; a esse non è legalmente richiesto di unirsi all’euro, a meno che i loro governi non decidano altrimenti. [Wikipedia al 04/01/2015]

Questa statuizione è una clausola vessatoria ed è contenuta nel Trattato di Maastricht, uno dei fondamentali dell’Unione Europea, ciò invalida i trattati europei, già di per sé illegittimi, poichè è del tutto ingiusto concedere un privilegio ad alcune nazioni, a tutto danno delle altre.


Mappa moneta Euro 2015

Mappa moneta Euro 2015

 

Screenshot su Wikipedia deroghe privilegiate su adesioni all'Euro

Screenshot su Wikipedia deroghe privilegiate su adesioni all’Euro

Condividi! Grazie!
Cosa ne pensi? Commenta!
Scrivi la tua opinione su: Clausole vessatorie nei Trattati Europei e moneta Euro La legge non è uguale per tutti