Nietzsche, “noi iperborei” (ovvero ariani) Nel suo libercolo "L'anticristo" le orrende elencazioni dei suoi "valori".

Friedrich Nietzsche precursore del nazismo – incluso nelle liste dei filosofi, normalmente definito – a torto –  geniale (non si capisce per cosa), nel suo trattatello “L’anticristo” sputa odio e veleno sulla compassione, istiga alla soppressione dei “malriusciti” e decanta la grandezza del “superuomo”, cioè colui che è senza pietà e segue la legge di natura. C’è da domandarsi perché molti negano i collegamenti ideologici tra Nietzsche e il nazismo e venga esaltato nelle scuole e nelle università pubbliche.

Ecco a voi alcuni passi estratti dall’orribile libercolo “L’Anticristo”. Qui, l’esaltazione della forza quale superiorità dell’uomo e di un popolo:Nietzsche precursore nazista

Friedrich Nietzsche – L’anticristo: “”L’umanità non rappresenta, come si ritiene oggi, un’evoluzione verso il migliore, il più forte o il elevato. Quella di «progresso» è soltanto un’idea moderna, vale a dire un’idea falsa. L’europeo di oggi vale assai meno dell’europeo del Rinascimento; evoluzione nel tempo non significa assolutamente evoluzione, progresso o rafforzamento.
In un altro senso, esistono singoli casi di riuscita che fanno costantemente la loro comparsa nelle più svariate parti della Terra e nelle più diverse civiltà dove si manifesta un tipo superiore, qualchcosa che in relazione all’intera umanità costituisce una specie di superuomo. Queste occasioni fortuite di grande riuscita sono sempre state possibili, e forse lo saranno sempre. Persino intere generazioni, tribù e popoli possono rappresentare, sotto determinati aspetti, tale colpo fortunato.”

Qui, Nietzsche spiega in cosa consiste per lui “corruzione“; non si tratta, come potremmo pensare, del riferimento a un politico che ruba, o di qualche altra simile disonestà, ma di un animale che non rispetta la legge della natura, quella è, per Nietzsche, corruzione:


INSERTO PROMOZIONALE


Friedrich Nietzsche – L’anticristo: “Definisco corrotto un animale, una specie, un individuo quando perde i propri istinti, quando sceglie e preferisce ciò che gli è dannoso. Una storia dei «sentimenti più elevati», degli «ideali dell’umanità» ed è possibile che finisca necessariamente per narrarla quasi costituirebbe anche una spiegazione del perché l’uomo sia così corrotto.”

Qui, Nietzsche ci spiega che, secondo lui, la pietà non rispetta la legge della selezione naturale e che difendere diseredati e cagionevoli rende la vita tetra:

Friedrich Nietzsche – L’anticristo: “La pietà contrasta nel complesso la legge dell’evoluzione, che poi è la legge della selezione. Preserva ciò che è maturo per la distruzione; difende i diseredati e i condannati della vita; a causa del gran numero di soggetti cagionevoli di ogni specie che mantiene in vita conferisce alla vita stessa un aspetto tetro e incerto. “

E per ultimo, ma ce ne sono altri, andate a cercare, ecco a voi l’esaltazione dei “noi iperborei“. Per chi non lo sa, ricordiamo che gli “Iperborei” sono gli “Ariani”:

Friedrich Nietzsche – L’anticristo: “Nella nostra malsana modernità nulla è più dannoso della pietà cristiana. Qui esser medici, qui essere inesorabili, qui brandire il bisturi, questo è il compito che ci spetta, questa è la nostra forma di filantropia ed è per questa che noi siamo filosofi, noi iperborei!”

Consigliabile leggere questo orrendo libercolo, a piccole dosi perché è davvero disgusto e tossico. Cattive e dolorose letture, da fare per impedire la celebrazione di pensieri orrendi e criminosi.

Qui, nel forum tematico, ulteriori approfondimenti e citazioni >>> Forum  “Nietzsche precursore del nazismo”

Cosa ti fa pensare il post?

17 Commenti in "Nietzsche, “noi iperborei” (ovvero ariani) Nel suo libercolo "L'anticristo" le orrende elencazioni dei suoi "valori"."

Avvisi per
avatar
Ordina per:   nuovi | vecchi | più votati
Federico Dart
Ospite
Nietzsche è venuto prima. Non parla di nazismo, nè lo celebra. I deboli non sono rappresentati da un’intera popolazione, ma trovano rappresentanti in tutto il mondo. Hitler era un folle, ritenendo di trovare il “debole” in un’area geografica, ed ebbe una discreta fortuna, portandosi dietro una nazione grazie alla propria empatia e a determinate circostanze storiche. Certo, la sua è stata una manifestazione di forza: ed è altrettanto evidente che chi lo ha “deposto” ha usato la forza. Questi estratti del discorso di Nietzsche fanno parte di un discorso più ampio, del quale l’autrice di questa breve “proposta” sembra essere… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite

Per quello è PRECURSORE, perché è venuto prima. Condizione necessaria per essere precursori è venire prima di.

Sara Palazzotti
Ospite

La tesi è documentata. Sono estratti dai testi di Nietzsche. E sono orrendi. Possiamo anche parlare della biografia di Nietzsche. Ma qui stiamo analizzando i testi.

Sara Palazzotti
Ospite
Sara Palazzotti
Ospite
Federico Dart
Ospite
Ringrazio per la tempestività della risposta e per la documentazione. Il principale motivo per cui ho ritenuto necessario commentare criticamente questo testo è per la mancanza di argomentazione, che mi impediva di capire veramente cosa veniva contrapposto al testo di Nietzsche. Ci sono solo citazioni del testo e giudizi negativi, lasciando l’evidente disprezzo per il testo del filosofo alla sola intuizione del lettore. Capisco il fatto che ci possa essere avversione nei confronti delle idee di Nietzsche, e lo sapeva bene anche lui, essendo come precedentemente affermato “contro il sistema” , ma desidero che si comprendano le ragioni degli scritti… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite

Non è vero. C’è il testo citazione, con premessa un sintetica argomentazione. Non è necessario scrivere pagine e pagine prolisse

Sara Palazzotti
Ospite

Questa è un’argomentazione: “Qui, Nietzsche spiega in cosa consiste per lui “corruzione“;
non si tratta, come potremmo pensare, del riferimento a un politico che
ruba, o di qualche altra simile disonestà, ma di una animale che non
rispetta la legge della natura, quella è, per Nietzsche, corruzione – ti faccio notare cosa Nietzsche intende per corruzione (non è quella che intendiamo normalmente, non intende, ad esempio, il politico che prende la mazzetta.

Sara Palazzotti
Ospite

Poi: mi puoi indicare che cosa vuol dire che Nietzsche era “contro il sistema”? con abbinata citazione testuale

Sara Palazzotti
Ospite

Ancora una domanda: mi puoi indicare il passo in cui ho suggerito di censurare?
Ho detto esattamente l’opposto : “Consigliabile leggere questo orrendo libercolo, a piccole dosì perché è davvero disgusto e tossico.[…]”

Toten Tanz
Ospite
Per ascoltare le varie campane ed essere meglio documentato, leggi anche i miei commenti all’articolo che qui ti segnalo. Per ora mi sono limitato a una ricognizione filologica, riportando i testi e qualche fatto della vita di Nietzsche, i quali dimostrano in modo incontestabile che non era antisemita e non era nazionalista (e tanto meno sarebbe stato nazionalsocialista!). In seguito, se la moderatrice non sopprimerà i miei scomodi commenti, porterò alla sua indegna attenzione anche un’interpretazione dei testi che lei cita e interpreta malamente e disonestamente, senza conoscenza, nonché della filosofia di Nietzsche, della ricezione di Nietzsche nel Novecento e… Leggi altro »
Federico Dart
Ospite
Intendo per censura limitazione, costrizione ad un unico punto di vista: il suo commento non è neutrale, e non apre ad un’alternativa illustrata: si appoggia, appunto, sull’ideologia condivisa dalla maggior parte delle persone da secoli a questa parte. Non credo serva una citazione per dimostrare che il cristianesimo è la religione “ufficiale” del nostro continente da secoli, ormai. Per questo dico che Nietzsche era ed è contro il sistema, l’ideologia comune. Quando dico che non si argomenta, intendo che non c’è una proposta contraria, ma esclusivamente una critica. Ma per l’obiettivo del suo messaggio, credo che sia presente tutto il… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite

Nietzsche non era contro il sistema, era contro il cristianesimo

Sara Palazzotti
Ospite

Secondo te le citazioni bibliografiche non servono? E allora quale metodo dobbiamo usare per analizzare e comprendere la logica di uno scrittore?

Federico Dart
Ospite

In questo caso non ritengo serva, per me cristianesimo è, assolutamente, fondamento del sistema, indipendentemente da quanto concreta possa esserne la “applicazione”.

Sara Palazzotti
Ospite

Non direi. Comunque, per essere concreti, cosa non piaceva a Nietzsche del “sistema”?

Sara Palazzotti
Ospite

Secondo te , come dobbiamo procedere per analizzare NIetzsche?

wpDiscuz