Nietzsche sovverte i significati delle parole (1a puntata) Pietà? la prassi del nichilismo. Corruzione? non rispettare la selezione naturale.

Nietzsche sovverte, o restringe, il significato delle parole. Si capisce bene leggendo i suoi scritti, non quelli manomessi dalla sorella (e manco dalla nonna! eh). Per lui “corruzione” significa non rispettare la selezione naturale. Per lui “virtù” è fare guerra.

Ed è lui stesso che descrive nei suoi testi il significato che, per lui, hanno certe parole. E’ incredibile che coloro che lo esaltano non conoscono con consapevolezza Nietzsche, sembra quasi che sia stata compiuta una sorta di lavaggio del cervello, attraverso libri e articoli promozionali che ripetono sistematicamente “Nietzsche è un genio“, ma se poni la domanda “per cosa?” nessuno sa spiegarlo.

Penso, e spero, che pochi abbiano letto i testi di Nietzsche e che si siano affidati al “passaparola”, come spesso accade, purtroppo, perché così siamo stati addestrati a fare.


INSERTO PROMOZIONALE


Ma vediamo alcuni esempi, e sono solo alcuni, ma i testi di Nietzsche sono un pozzo senza fondo di orrore.

Che cosa è NICHILISMO per Nietzsche?
Nichilismo = nulla = violare la legge di selezione naturale con la pietà, la compassione, aiutando i deboli.

Cosa è la pietà? Una virtù? No! per Nietzsche è una debolezza.

“Si è osato definire la pietà una virtù (in ogni morale nobile invece viene considerata una debolezza)”L’Anticristo – F.Nietzsche

Cosa fare dei deboli e “malriusciti”? Secondo Nietzsche aiutarli a perire!
Non vi ricorda i campi di sterminio e “Aktion T4”?

“I deboli e i malriusciti dovranno perire: primo principio della nostra filantropia. Inoltre li si dovrà aiutare a farlo. Che cosa è più dannoso di qualsiasi vizio? L’attiva pietà per tutti i deboli e i malriusciti” – L’Anticristo – F.Nietzsche

Cosa è la corruzione per Friedrich Nietzsche?

“Definisco corrotto un animale, una specie, un individuo quando perde i propri istinti, quando sceglie e preferisce ciò che gli è dannoso. Una storia dei «sentimenti più elevati», degli «ideali dell’umanità» _ ed è possibile che finisca necessariamente per narrarla _ quasi costituirebbe anche una spiegazione del perché l’uomo sia così corrotto.” – L’Anticristo – F.Nietzsche

Il paradosso è che Friedrich Nietzsche era un debole! Quindi, o era un pazzo totale, magari afflitto da personalità multipla, o era un indemoniato, visto che parla spesso di demoni.
Lo dico senza astio. Come persona ispira solo pietà. La cosa vergognosa è che sia promosso nelle scuole: un sadico, un razzista, un misogino, esaltatore e istigatore di violenza.

Leggi anche  La maggioranza, un mito da sfatare (urgentemente) - democrazia e dittatura

Fine della prima puntata.

Qui trovate i testi di Friedrich Nietzsche

E qui il forum di discussione:

Condividi! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *