PERICOLO brevettabilità vegetali (OGM e non) Le risorse vitali non possono essere brevettabili, questione di salute, ma anche di libertà.

Il brevetto di tipi di piante e la commercializzazione delle stesse porta all’estinzione della piante di LIBERO DOMINIO (non brevettate e liberamente riproducibili).

MOVENTE, POTERE POLITICO/ECONOMICO

E’ legittimo attendersi che, avvenuto il processo di sterminio, rimaranno solo le piante brevettate che potranno essere commercializzate, in regime di monopolio, a qualsiasi prezzo deciso dal detentore del titolo di proprietà di brevetto.

Perciò, la creazione di piante geneticamente modificate, che ne consente la brevettabilità, oltre che discutibile di per sé – per l’incertezza delle conseguenze – ma anche di quelle non geneticamente modificate, sembra avere un potenziale e pericoloso movente politico/economico.


INSERTO PROMOZIONALE


Il proprietario del brevetto può impedirti di piantare piante o pretendere prezzi esosi anche se la gente ha FAME?

CONCLUSIONE

Il brevetto diviene un mezzo di controllo sociale, economico, demografico e politico detenuto con modalità oligopoliste da gruppi oligarchici per il loro mero interesse, ciò contrario a qualsiasi principio di dignità, diritto e libertà.

Per questo motivo, il brevetto di vegetali, geneticamente o non modificati, deve essere abolito o regolamentato, in maniera da non essere usato come strumento di ricatto, a prescindere da eventuali danni alla salute diretti e indiretti.

Pubblicato anche su Blogs.

Cosa ti fa pensare il post?

Commenta per primo!

Avvisi per
avatar
wpDiscuz