Baratto amministrativo, le trovate schiaviste di M5S Il movimento cinque stelle ci sta riportando alla servitù della gleba

M5S‬ (movimento cinque stelle) ci sta riportando alla SERVITU’ DELLA GLEBA!

Dopo il pessimo “DDL reddito di cittadinanza”, del quale parleremo e del quale ho già parlato nel gruppo reddito di cittadinanza su facebook, i militanti M5S sono arrivati alla propaganda più pericolosa  per inculcare nelle persone “l’amore per la schiavitù”, invece che la consapevolezza dei propri diritti.

baratto amministrativo

Baratto amministrativo – schiavitù


INSERTO PROMOZIONALE


La recente proposta di “baratto amministrativo”, che consiste nel far lavorare gratis le persone se non hanno soldi per pagare le tasse, è molto pericolosa. Il preambolo per un futuro di schiavitù normalizzata. Allora, intanto, diciamo che se non si hanno soldi per pagare le tasse vuol dire che le tasse sono inique, perché le tasse si pagano se si ha il reddito (art.53 Costituzione). Se accade che si percepisce un reddito che non è neanche sufficiente per pagare le tasse, vuol dire che si è già schiavi.

Inoltre, la pubblica amministrazione che ha necessità di servizi deve assumere persone regolarmente, o incaricare liberi professionisti, o imprese perché svolgano i servizi dei quali necessita, se la PA pensa di non avere bisogno di servizi a tempo indeterminato.

La Pubblica Amministrazione non deve essere la prima a dare il cattivo esempio e inventarsi metodi per sfruttare i cittadini e per omettere la giusta retribuzione delle prestazioni lavorative con contratti regolari.

Ma dove ci sta portando M5S? Allo schiavismo legalizzato!

Il LAVORO DEVE ESSERE RETRIBUITO e le tasse si pagano in base alla capacità contributiva (art.53 Costituzione) senza umiliare i malcapitati che hanno avuto la disgrazia di nascere in questo Stato con pretese di stampo feudale. M5S sta creando le basi per gravissime umiliazioni e abusi dei lavoratori.

M5S vestitevi così, invece che con quelle ridicole palette da schiavetti (che voi usate solo in foto), ché è meglio.

proteste lavoratori

proteste lavoratori

Cost. Art. 2 – La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Cost. Art. 3 – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Cost. Art. 4 –  La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Cost. Art.36 – Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. […] Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi. 1)Art.36 Costituzione

Cost. Art.53 – Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

Servitù della gleba 2)Servitù della gleba- wikipedia.
Servitù della gleba

Bibliografia e riferimenti   [ + ]

Cosa ti fa pensare il post?

14 Commenti in "Baratto amministrativo, le trovate schiaviste di M5S Il movimento cinque stelle ci sta riportando alla servitù della gleba"

Avvisi per
avatar
Ordina per:   nuovi | vecchi | più votati
Unknown
Ospite
Questo è l’articolo Art. 24, del DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133, convertito con modificazioni dalla Legge 164/2014, “Misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”(il famoso”Sblocca italia”), che dispone: ” 1. I comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purche’ individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalita’ di interesse… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite

Sempre distinti, e di elevata educazione eh 😀
Non ho capito quale sarebbe la “cazzata”. Hai letto il post?

Toni
Ospite

Non capisco a quale categoria mi associ, ma del resto voi siete abituati a vedere in bianco o nero, o con voi o contro di voi, senza mezze misure. Sto semplicemente dicendo che il baratto amministrativo è una trovata del governo Renzi e non dei 5 stelle. Ergo non capisco cosa c’entrino i 5 stelle(p.s.: se aveste citato Salvini e la Lega avrei risposto lo stesso).

Sara Palazzotti
Ospite

Voi chi? Ho pensato tu fossi di M5S perché nel post si parla del baratto amministrativo promosso da M5S. Che sia un’idea comune al PD è divertente… no??? Però c’è la foto allegata dove M5S promuove la grande idea (secondo loro) del baratto amministrativo. Poi se loro fanno di supporto al PD per far accettare cose che se le propone il PD sono criticate, non so. Dici che lavorano in coppia?

Untoni
Ospite
No, il punto che non è comune, il punto è che l’ha promossa e approvata il PD. Sono d’accordo con te o con chi ha scritto l’articolo per quanto riguarda la questione dell’essere tornati indietro perchè, secondo me, se uno non può pagare le tasse, vuoi perchè non ha lavoro/reddito ecc. semplicemente non gliele si fa pagare, non che per permettergli di pagare le tasse lo si fa lavorare. Però io penso una cosa: questo dovrebbe partire da chi sta al governo, dire quello che ho appena detto,”tu non hai la possibilità di pagare, dunque non ti faccio pagare le… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite
Toni
Ospite

Usi uno smartphone?

Sara Palazzotti
Ospite

Toni, che domanda è? Dai… stati sul pezzo, non tentare di sviare!

Toni
Ospite
E chi svia, volevo solo dire che chi usa uno smartphone è responsabile come chi lo produce – seguendo il tuo discorso. Dunque chi usa un cellulare, o un PC, è responsabile dello sfruttamento e della morte di lavoratori – per la maggior parte bambini – che scavano il coltan per fare la componentistica interna dei cellulari. Ma la colpa non è nostra se usiamo un cellulare; noi vorremmo che sia fatto secondo le norme e rispettando i diritti delle persone(e si può fare), le aziende vogliono il profitto e fanno di tutto per ottenerlo. Ma usare un PC e… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite

E infatti… Che cosa stai dicendo? 😀 dialettica MALEVOVA! Semplifichiamo. Non fare il politicante. Dai. Parliamo seriamente. Sembri l’avvocato difensore che vuole fare domande per ottenere ragione. Un conto è la maieutica e un altro questa cosa qui.

Toni
Ospite
Non so dove rispondere, la allego qui. Non voglio difendere nessuno, solo che mi sembra che chi applichi il baratto amministrativo lo faccia senza malizia, tutto qui. Del resto c’erano già delle forme di baratto, vedi la compensazione crediti-debiti tra PA e imprese, cosa che spiega ancor meglio cosa intendo: se un’impresa(in Italia funziona così) ha un debito nei confronti della PA, la PA esige immediatamente il pagamento del debito, sia che uno disponga di liquidità sia che non ne disponga, altrimenti ci sono multe, sequestri e via dicendo; ma se accade il contrario, che l’impresa invece sia creditrice, può… Leggi altro »
sara-palazzotti
Member
No. La compensazione debiti/crediti NON è baratto. La compensazione debiti/crediti è una compensazione tra diverse aree di debiti e crediti gestite in sezioni diverse, che di solito erano gestiti separatamente, creandosi situazioni assurde per cui, ad esempio, avevi un credito di 1000 dall\’Iva e un debito irpef di 600. Facendo sommatoria eri a credito v/Stato di 400, invece dovevi pagare i 600 e attendere i 1000 chissà quando. Oggi puoi fare la sommatoria e quindi non paghi i 600 che storni dal credito 1000 che diventa un credito 400 e aspetterai quelli, o li porterai a storno. Non è un… Leggi altro »
Sara Palazzotti
Ospite
Sara Palazzotti
Ospite

Te ragioni come uno schiavo. “Complimenti” a M5S che sta facendo grande lavoro di convincimento che “essere schiavi conviene”. Io dico #nonbarattiamodiritti – se non ci sono soldi per pagare le tasse significa che c’è qualcosa di fortemente patologico nel sistema e deve essere cancellato, non supportato. Peccato che stanno tenendo il moccolo da tre anni, e nel mentre si ingrassano di succulenti stipendi.

wpDiscuz