Diminuisce la popolazione, dati demografici Istat per il 2015 Esplode la mortalità e cala a picco la natalità (segnali di democidio?)

Sono stati pubblicati, oggi, 19 febbraio 2016, dall’Istat nuovi dati demografici per il 2015. Secondo la relazione dell’Istat, per la prima volta dal 1952, diminuisce la popolazione in Italia del 2,3 per mille, solo nel 1986 si verificò una lieve riduzione congiunturale dello 0,1 per mille.

Una riduzione di popolazione consistente, tenendo anche conto di una presenza sostanziosa di stranieri residenti pari all’8,3% (5 milioni e 54 mila).

PICCO DI MORTALITA’

La stima indica un aumento del 9,1%. Dati sul preoccupante exploit di mortalità erano già stati anticipati alcuni mesi fa e sono riconfermati nella relazione Istat.


INSERTO PROMOZIONALE


PICCO MINIMO NATALITA’

Nel 2015 il tasso di natalità tocca il minimo storico dall’unità d’Italia, pari all’8 per mille. Vale qui citare la considerazione testuale contenuta nella relazione Istat 1)Testo integrale e nota metodologica, dati demografici 2015, Istat, che almeno, rispetto alla relazione 2014, ci dice qualcosa di sociologicamente importante e ci risparmia dati sui nomi scelti per i nuovi nati, (v. nostro precedente sulla natalità)

Negli ultimi cinque anni, invece, il protrarsi degli effetti sociali della crisi economica ha innescato una nuova fase di diminuzione della fecondità di periodo. Così come per le aziende produttive la mancanza di aspettative positive costituisce un freno agli investimenti, così le difficoltà (soprattutto lavorative e abitative) oggi incontrate dalle giovani coppie rallentano la progettualità genitoriale. Tali difficoltà, cui si accompagna un generale senso di precarietà in molti strati della società, stanno agendo nel verso di un’
accentuazione della posticipazione delle nascite e, quando ciò  avviene,il numero medio di figli per donna tende ad abbassarsi.

AUMENTANO GLI EMIGRANTI ITALIANI

Le stime indicano un aumento notevole di emigranti italiani, triplicati dal 2007, mentre si riduce l’interesse di immigrati residenti, dimezzata rispetto al 2007.

CONCLUSIONE

Dobbiamo concludere, quindi, che l’Italia è un paese in decrescita.

Democidio?

democidiopopolazione Italia 2015 Istat

Bibliografia e riferimenti   [ + ]

Cosa ti fa pensare il post?

Commenta per primo!

Avvisi per
avatar
wpDiscuz